JavaScript must be enabled in order for you to see "WP Copy Data Protect" effect. However, it seems JavaScript is either disabled or not supported by your browser. To see full result of "WP Copy Data Protector", enable JavaScript by changing your browser options, then try again.
Biologa nutrizionista

Alimentazione

Elisir di Lunga VitaCIMG_3356

 

I recenti progressi della medicina, hanno portato ad un allungamento dell’aspettativa di vita, spesso però le condizioni di salute non sono soddisfacenti e, il più delle volte, non permettono una vita decorosa e autosufficiente. I dati ISTAT per la popolazione italiana dimostrano che l’aumento della probabilità di morire con l’aumentare dell’età (che è una misura della velocità dell’invecchiamento biologico) non si è ridotto tra il 1900 e il 1995, ma anzi si è accresciuto, per cui con l’aumentare della vita media è aumentata la popolazione anziana composta da persone fragili e malate. Sono quindi stati fatti tutta una serie d’ interessanti studi scientifici mirati a migliorare lo stato di salute in vecchiaia, che hanno evidenziato le potenzialità degli organismi viventi. Con il termine invecchiamento si indica l’accumulo nel tempo dei danni prodotti e non riparati dal normale metabolismo attraverso meccanismi cellulari. Tutto questo causa una progressiva alterazione di organi e apparati; il processo di invecchiamento inizia precocemente già in età adulta. Esperimenti effettuati su animali identici, allevati nello stesso ambiente, in condizioni controllate, hanno dimostrato che possono sopravvivere più a lungo quelli che sono stati alimentati in condizione di restrizione calorica. Inoltre è stato rilevato che anche l’attività fisica ha effetti benefici e significativi nel rallentare i processi di invecchiamento. Attualmente il gruppo di studi sull’invecchiamento dell’Università di Pisa (sotto la guida del Prof. E . Bergamini ) che porta avanti esperimenti su roditori ha evidenziato nell’autofagia cellulare un meccanismo in grado di ripulire e rinnovare le cellule, preservandole dai danni dello stress ossidativo. La parola “autofagia” deriva dal greco e significa “mangiare se stessi”; descrive un meccanismo fisiologico in grado di sostituire le componenti cellulari danneggiate o non più necessarie alla cellula attraverso la loro degradazione all’interno di organuli intracellulari detti lisosomi. La stimolazione dell’autofagia cellulare potrebbe essere la chiave in grado di permettere agli esseri umani di invecchiare lentamente e in modo migliore, evitando le infermità più gravi. Questa particolare forma di autofagia, definita “macroatofagia cellulare”, permette il riciclo e il rinnovamento delle proteine ossidate delle membrane cellulari e dei mitocondri, che sono delle microscopiche centrali energetiche responsabili dell’invecchiamento dei nostri tessuti. La macroautofagia viene attivata con il digiuno e potenziata da alcuni farmaci che impediscono la metabolizzazione dei grassi del tessuto adiposo, di conseguenza si crea nella cellula un’emergenza energetica che induce la demolizione dei propri costituenti. In questo modo si attiva la proteolisi di strutture e organelli danneggiati dai radicali liberi, impedendone l’accumulo, responsabile dell’invecchiamento. La restrizione calorica imposta agli animali è una riduzione del 20-40% dell’apporto calorico quotidiano consumato liberamente dall’animale, nel rispetto dell’equilibrio tra le sostanze nutritive assunte. A differenza di quanto viene proposto in una dieta dimagrante, in cui è auspicabile mantenere un apporto calorico ridotto, ma con spuntini frequenti per non arrivare ai pasti principali troppo affamati, in questo caso è necessario sopportare il senso della fame per qualche ora in più durante la settimana. La sensazione di fame segnala che l’organismo si sta ripulendo da tutte le scorie dannose. Dietro a tutti questi studi comunque si è rivelato che l’arte di magiare bene è l’arma più potente che abbiamo per combattere l’invecchiamento; e anche in questo caso è necessario consumare porzioni abbondanti di frutta e verdura, limitare il consumo di grassi e non eccedere con le proteine per raggiungere in questo modo un peso corporeo ottimale e mantenerlo nel tempo. Al fine di ridurre gli stress ossidativi a carico delle cellule è importante non fumare, evitare un consumo eccessivo di alcool e di esporsi troppo alla luce solare. Può essere di aiuto stimolare la mente e ridurre lo stress, sebbene uno stress moderato possa avere un effetto ormetico, vale a dire stimolante a basse dosi e inibente o tossico ad alte dosi* . Per combattere l’invecchiamento vanno alternati momenti di restrizione calorica a momenti di sovralimentazione, soprattutto se associati ad intensa attività fisica. Il digiuno proposto da molte pratiche religiose come ad esempio l’obbligo dei monaci buddisti di digiunare nei giorni di luna nuova e di luna piena, il mese del Ramadan per la religione Islamica in cui si pratica il digiuno all’alba al tramonto, il digiuno dei cristiani che precede la Pasqua, possono rappresentare, secondo questi studi, una buona pratica alimentare per una vita lunga e decorosa.

 

Per approfondimenti sono consigliati i seguenti libri: Prof. Ettore Bergamini “L’arte della longevità” edizioni ETS

Ulisse Franciosi “Digiuno, autofagia e longevità” Erga edizioni.

 

*La teoria dell’ormesi, afferma che sostanze particolari sono in grado di esercitare effetti opposti in relazione alle dosi somministrate. Es. alcool a basse dosi riduce il rischio cardio-vascolare, ad alte dosi lo aumenta. Radiazioni ionizzati, a piccole dosi proteggono dai danni provocati da una esposizione a dosi massicce di raggi X.